giovedì 2 giugno 2016

La Repubblica Italiana nasce dal sangue della Resistenza e vive nella Costituzione

2 GIUGNO - FESTA DELLA REPUBBLICA
Se voi volete andare in pellegrinaggio nel luogo dove è nata la nostra costituzione, andate nelle montagne dove caddero i partigiani, nelle carceri dove furono imprigionati, nei campi dove furono impiccati. Dovunque è morto un italiano per riscattare la libertà e la dignità, andate lì, o giovani, col pensiero, perché lì è nata la nostra Costituzione.“ 


Quello è il passaggio conclusivo del discoro tenuto da  Piero Calamandrei il 26 gennaio 1955, a Milano nel Salone degli Affreschi della Società Umanitaria, partecipando ad un ciclo di conferenze sulla Costituzione rivolte agli studenti universitari e medi. 
Poche settimane dopo, ritornando sull'origine della Costuituzione Calamandrei ebbe ad sottolineare: «La Repubblica non fu e non doveva essere soltanto un cambiamento di forma di governo: doveva essere, e sarà, qualcosa di più profondo, di più sostanziale: il rinnovamento sociale e morale di tutto un popolo; la nascita di una nuova società e di una nuova civiltà». 
Ecco perchè oggi, a Firenze, una manifestazione promossa da movimenti , fra cui A.N.P.I.e LIBERA, ed esponenti autorevoli della società civile italiana leggerà la Costituzione che , prima ancora che riformata, avrebbe bisogno di essere attuata a perseguire il bene della comunità nazionale!


La riforma della Costituzione Italiana. Una riforma necessaria?...a chi giova?
Nel prossimo ottobre gli italiani saranno chiamati a votare un referendum costituzionale per approvare o respingere la riforma della Costituzione che porta il nome dell’attuale ministra Maria Elena Boschi, che ne è stata la promotrice insieme al governo di Matteo Renzi. Non se ne vorrà qualcuno se il primo appunto che viene al disegno di modifica della Carta Costituzionale muovae proprio dalla comparazione fra la storia personale, la statura morale ed etica, fra coloro che ne furono i primi redattori, i "padri costituenti", e la maggioranza partrtica, raccogliticcia e fragile che ore ne promuove una revisione parziale ma significativa!
Una maggiornaza che nasce addirittura da elezioni politiche che si tennero sulla base di una legge eletorarle sancita come "incostituzionale"(!), "il porcellum", la "legge porcata" così definita dal suo stesso autore il sen. Calderoli. Paradossi di una Italia "terra del Diritto" che, noi comuni cttadini, fatichiamo a volte ad accostare al principio della Giustizia. Una maggioranza che vede la sua conferma numerica, e quindi la sua legittimazione politica "a governare", solo grazie all'apporto di personaggi, fra i quali Denis verdini, più volte "rinviati a giudizio" dalla magistratura inquirente.
Altri dubbi vengono da una considerazioni di fondo: la riforma della Costituzione così come è prospettata non farebbe che sancire il degrado della cosiddetta "costituzione materiale" che si è avuta negli ultimi anni: i diritti dei cittadini ( il diritto al lavoro,all'istruzione, alla salute...), diritti alla cui attuazione la Carta Costituzione chiamava l'istituzione centrale, lo stato, degradati a "bisogni" subordinati a fattori di convenienza e fattibilità economica ( pareggio di bilancio, patti di stabilità; equilibri monetari...); la rappresentanza politica, il potere dei cittadini di eleggere i  propri rappresentanti, addomesticata da istituzioni formate attraverso nomine-incarichi di  "secondo livello" ( a cui si accede in quanto nominati-eletti da coloro che sono già stati nominati-eletti")
Non basta ancora: ad aggravare i dubbi di coloro che si oppongono alla revisione della Carta Costituzionale giungono anche le notizie di altre e differenti entità che si preoccupano ( e si occupano) dei principi stessi che sono alla base della Costituzione Italiana e di altre carte costituzionali europee nate dopo la dittatura nazi-fascista.
Già nell'aprile 2014, la rivista MICROMEGA riportava un articolo dal titolo piuttosto inquietante: "Si scrive Renzi si legge JpMorgan", scritto da Franco Fracassi.
Fra le altre cose , nell'articolo si legge che le riforme che si stanno delineando in Italia sembrano seguire "il dettato" tratteggiato da forze-poteri che altro non sono se non quei poteri finanziari che, proprio per lo strapotere acquisito dalla "finanza" sulla "politica", sono oramai in grado di indirizzare cambiamenti e revisioni di quelle "regole-tutele"  fondamentali che costituiscono la caratteristica delle carte Costituzionali europee, e soprattutto di quella italiana, spagnola, portoghese.
Riportiamo  quel passaggio, invitanto ad una attenta lettura. 


Estratto dall'articolo "Si scrive Renzi si legge JpMorgan"

"(...) Il 28 maggio 2013 la JpMorgan ha redatto un documento di sedici pagine dal titolo "Aggiustamenti nell'area euro".

«Quando la crisi è iniziata era diffusa l'idea che questi limiti intrinseci avessero natura prettamente economica. Ma col tempo è divenuto chiaro che esistono anche limiti di natura politica. I sistemi politici dei Paesi del Sud, e in particolare le loro Costituzioni, adottate in seguito alla caduta del fascismo, presentano una serie di caratteristiche che appaiono inadatte a favorire la maggiore integrazione dell'area europe.
I problemi economici dell'Europa sono dovuti al fatto che i sistemi politici della periferia meridionale sono stati instaurati in seguito alla caduta di dittature, e sono rimasti segnati da quell'esperienza. Le Costituzioni mostrano una forte influenza delle idee socialiste, e in ciò riflettono la grande forza politica raggiunta dai partiti di sinistra dopo la sconfitta del fascismo.
I sistemi politici e costituzionali del Sud presentano le seguenti caratteristiche: esecutivi deboli nei confronti dei parlamenti, governi centrali deboli nei confronti delle regioni, tutele costituzionali dei diritti dei lavoratori, tecniche di costruzione del consenso fondate sul clientelismo, il diritto di protestare se i cambiamenti sono sgraditi. La crisi ha illustrato a quali conseguenze portino queste caratteristiche. I Paesi della periferia hanno ottenuto successi solo parziali nel seguire percorsi di riforme economiche e fiscali, e abbiamo visto esecutivi limitati nella loro azione dalle costituzioni (Portogallo), dalle autorità locali (Spagna), e dalla crescita di partiti populisti (Italia e Grecia)».
Riassumendo, la JpMorgan ci dice: liberatevi al più presto delle vostre costituzioni antifasciste.!" 
(...) Per l'economista Emiliano Brancaccio: «Maggiore è il potere del parlamento, più è difficile ridimensionare lo stato sociale. Un orientamento di segno opposto, invece, mira a redistribuire il reddito favorendo il profitto e le rendite, non certo a un ammodernamento del Paese. Nella Costituzione italiana e in quelle antifasciste ci sono norme che vincolano la tutela della proprietà privata, che può essere espropriata per fini di pubblica utilità. Le istituzioni finanziarie hanno spesso interesse a realizzare acquisizioni estere di capitali nazionali, e dunque hanno interesse a garantire che la proprietà del soggetto straniero che acquisisce sia tutelata. Con queste Costituzioni il soggetto straniero che viene ad acquisire spesso a prezzi stracciati capitale nazionale di Paesi in difficoltà non è totalmente tutelato perché potrebbe essere espropriato. Dietro la parolina magica "m odernizzazione", spesso pronunciata da JpMorgan, c'è dunque la tutela degli interessi di chi vuole venire a fare shopping a buon mercato in Italia e in altri paesi periferici dell'Unione europea».


1 commento:

  1. Dal 2 al 7 us alla Triennale di Milano si è tenuta una rassegna sui diritti umani, diretta da Danilo De Biasio.
    DIMMI CON CHI VAI.. DirittiUmani, come calpestarli:
    Censura e Ostracismo, connotati del FASCISMO di BenitoMUSSOLINI che costrinse per anni al 'confino' il disegnatoreVignettista GiuseppeSCALARINI, grandissimo amico di TeresaMATTEI sorella di GianFrancoMATTEI (torturato dalle SS in viaTasso-Roma, lì morto a 27anni il 7febbraio1944).

    Pro coordinamento opinioni operative "CORO" Maggio 2017
    per i pareri di tutti: capirecapire@gmail.com 3279770888

    Il 18 novembre 2010, presso la Procura della Repubblica del Tribunale di Milano, il Dott.Sergio Serafini, in qualità di amministratore delegato di ERREPI SpA(RadioPopolare), sporgeva querela contro Cosmo(Mino) Mitrano.

    All'udienza del 6 febbraio 2015, il teste Sergio Serafini (firmatario della querela), a proposito delle modalità gestionali delle trasmissioni di 'Radio Popolare' con la possibilità per gli ascoltatori di intervenire telefonicamente, così dichiarava:

    “l’unica cosa che possiamo tentare di salvaguardare .. è quella di disabilitare, cioè fare una specie di black list .. Nel senso che il centralino si abilita, per evitare che ci siano dei numeri che vadano in onda.”

    “Il centralino addirittura non fa prendere la linea”.

    Il 20 aprile 2015, Cosmo Mitrano deposita in cancelleria un CD con file audio e indicazioni scritte, del cui contenuto se ne riferiscono qui alcune parti.

    a ) Trasmissione di 'Radio Popolare' del 5mar2011, detta 'microfono aperto', condotta da Danilo De Biasio, in tema di partecipazione referendaria.

    Gli interventi concessi agli ascoltatori durano, solitamente, sui 2-3 minuti, ma a volte superano i 5 minuti. L'ascoltatore Cosmo Mitrano viene liquidato in meno di 50 secondi.

    Danilo De Biasio: Pronto

    Cosmo Mitrano: Buongiorno, sono Mino di "sopranipensieri" anche promotore di astensione responsabile, in quanto ritengo che una Legge, quando approvata dalla maggioranza dei rappresentanti degli elettori, non possa venir assoggettata al volere minoritario di coloro che promuovono un referendum, pretendendo che ai seggi si rechino inutilmente anche coloro che non intendono abrogarla. Quindi, gli stessi abrogazionisti, se maggioranza, andandoci loro ai seggi, ne possono ottenere l’abrogazione.

    E’ chiaro?

    Danilo De Biasio: No.

    Cosmo Mitrano: Glielo spiego..

    Danilo De Biasio: No, non ha nessuna importanza.

    Telefonata troncata.

    b ) Trasmissione di 'Radio Popolare' del 15set2011.

    Danilo De Biasio, la sera prima, aveva respinto la partecipazione di Cosmo Mitrano, assente da numerosi giorni, e consentiva l’intervento dell’a lui noto Michele(diCabiate) che, contrariamente a quanto ebbe a dire, era già intervenuto assai recentemente.

    Danilo De Biasio: PRONTO

    Cosmo Mitrano: UNA SEMPLICE DOMANDA.. SU CHE BASE, SU QUALE CRITERIO LEI AL SUO AMICO MICHELE L’HA FATTO PARLARE.. IO CHE NON CHIAMAVO DA 7-8 GIORNI.. MI HA BUTTATO GIU’ LA TELEFONATA.

    Danilo De Biasio: VUOLE PARLARE DELL’ARGOMENTO O VUOLE OCCUPARE LA TRASMISSIONE

    Cosmo Mitrano: VORREI SAPERE IL CRITERIO..

    Danilo De Biasio: GRAZIE, E’ STATO MOLTO INTERESSANTE.

    CHIUSURA.

    c ) Trasmissione di 'Radio Popolare' del 1gen2010, condotta da Davide Facchini.

    Cosmo Mitrano: SAMBO C’E’? (Roberto Sambo è uno dei tecnici che interviene per il blocco elettronico delle chiamate provenienti da numeri sgraditi)

    Davide Facchini: SAMBO SI’, E’ GIU’ DI SOTTO. ADESSO TI FACCIO BLOCCARE.

    d ) omissis per i 4.096 caratteri

    e ) Trasmissione di 'Radio Popolare' del 13set2008, condotta da Danilo De Biasio.

    Danilo De Biasio: Pronto

    Cosmo Mitrano: Pronto, sì

    Danilo De Biasio: Chi parla?

    Cosmo Mitrano: Cosmo Mitrano

    Danilo De Biasio: E allora non chiamare

    Cosmo Mitrano: Motivo? motivo? motivo?

    Chiusura, senza alcuna risposta.

    Pro coordinamento opinioni operative "CORO" Maggio 2017
    per i pareri di tutti: capirecapire@gmail.com 3279770888

    CosmoMino Mitrano.

    RispondiElimina

Abbiamo deciso di non moderare i commenti ai post del blog. Vi preghiamo di firmare i commenti.